January 2017

5 steps to turn your idea into a working plan

When we have an idea in mind that we wish to turn into a real, tangible and above all sustainable project, we might encounter several difficulties and without a method and some useful tools, this can actually affect our attitude and make us feel blocked or even like giving up.

Whether it is a business project or an action plan to start a business or a marketing plan, we should always design a detailed working plan before venturing into a no return path.

For this reason, we suggest five useful steps we might take to realise our ideas.

Step 1 – Design your idea

At the beginning, our idea seems comprehensive, feasible and ultimately perfect, the best idea that our brain could conceive. However, the reality is very often quite different!

We feel strong and believe that our intuition works impeccably as it is just the perfect idea for us. Unfortunately, others might not find it interesting and therefore it may not respond to a real need. Moreover, we might be too superficial: we have a light-bulb moment and that is fine. However, many people have winning ideas and perhaps at that very moment other people have had the same intuition somewhere else in the planet. What will make the difference between them and me? Well, it will be the working plan, the strategy that I will adopt and my ability to realise that intuition.

For these reasons, it is essential to draw our idea by developing some important aspects:

  • Which needs does my product / service meet?
  • What are the characteristics of the target market?
  • Who are my competitors?

In short, we need to study and carry out extensive daily researches to avoid mistakes that could undermine our idea since the very beginning.

Step 2 – Create your prototype

Once we have been determined the characteristics of potential customers, it is appropriate to create a prototype of our product / service and test it with friends, relatives and people close to us who may have identical or at least similar characteristics to the target audience identified. In short, we shall develop what in English is called the Minimum Viable Product (MVP), an early version of the product / service that envisages an interaction with our target market since the idea comes up to our minds. This system is useful not only to validate our idea, but also to perform a quick initial and low-cost test enabling us to assess what we are doing and decide whether to continue or change our minds.

Step 3 – Review your product / service

Once we have concluded this first test of our prototype obtaining the answers we were looking for, we shall continue with the modeling of our product / service, by applying the appropriate changes to propose a new version of it, which summarises and maximises the information learned directly from the client (tester).

In this third phase, we shall investigate and work on possible revisions to be applied to our product / service, by asking questions and, if necessary, repeating the test. We may also contact the first potential stakeholders to verify whether they may be interested or may wish to give us valuable advice.

A useful tool for the first 3 steps: Idea Design Process

We might devote a lot of time to these first three steps. In fact, the market and target audience analyses, the realisation of the prototype, the testing and the necessary changes may require months of work. For this reason, it is crucial we always keep an eye on a scheme highlighting the important steps we are taking to achieve our final design.

The Idea Design Process is a useful model that helps us track each step and decide when the idea is ready to move on to the next step: click here to download it.

Step 4 – Create your business project

The operational phase actually begins with this fourth step, when we already have many elements available enabling us to imagine the details of our business project and we can add further elements that will enrich the features of our product / service as well as the way it shall be manufactured and sold. This is a very important step, because we shall specify any data concerning:

  • the initial investment;
  • the human resources needed;
  • the material resources needed;
  • the marketing and communication strategies needed to reach our users;
  • the financial strategies that we can potentially implement.

Useful tool for this stage: the Creative Project Canvas

This fourth phase also requires in-depth studies and analyses, revisions of the idea and comparisons with external parties: it is at this stage that the Creative Project Canvas can be a useful tool to realise our project. This is a proper canvas where we can “paint” the contents of our business project and enrich it with any kind of details. It will allow us to visualise all aspects of our idea in a comprehensive as well as context-aware manner and will help us to present it to our potential travel companions.

Click here to download the Work (Play) Book, the guide to use the Creative Project Canvas.

Click here to download the Creative Project Canvas.

Step 5 – Develop your timeline, launch and action planning strategy

Finally, we have reached the last step that will take us to our final design. This does not mean that we have completed our work and we can enjoy a well-deserved rest: on the contrary, getting the final working plan is the necessary step to start our entrepreneurial activities. In addition, we are more excited now and can concretely see that initial vague and confused idea we had; we are gripped by a sense of pragmatism and the desire to do, which will not be easily quenched, but shall be the drive to take action. Let us:

  • adopt a timeline of activities to be performed;
  • create an action plan to enter the market;
  • plan a sustainable financial strategy;
  • choose our travel companions and external services that can help us;
  • begin to take our first steps towards the promotion and sales of our product / service.

Thus, let us implement our idea and start a true sustainable business project.

Use the WorkPlayBook to manage every stage

Realising our ideas as well as finding ways to make them economically viable can often be problematic for many of us. These five steps can help you to understand many things and first of all the utility and feasibility of your plans, disregarding mere aspirations or accompanying you throughout the realisation of our greatest desires.

To do this, the Work (Play) Book will definitely help you and will support you to define and implement your idea as well as to develop it when it is a real and tangible product / service.

2 comments
admin5 steps to turn your idea into a working plan
read more

5 step per trasformare l’idea in un progetto esecutivo

Quando abbiamo un’idea in testa e vogliamo trasformarla in un progetto reale, tangibile e soprattutto sostenibile, le difficoltà che possiamo incontrare sono innumerevoli e, in mancanza di un metodo e di alcuni strumenti utili, questo può influire sul nostro atteggiamento, rischiando di bloccarci o addirittura di rinunciare ad andare avanti.

Sia che parliamo di un progetto imprenditoriale, un piano d’azione per avviare un business o un piano di marketing, conviene sempre realizzare un progetto esecutivo prima di avventurarci in maniera approssimata in percorsi senza ritorno.

Per questo suggeriamo 5 step che possono tornare utili nella realizzazione delle nostre idee.

Step 1 – Disegnare l’idea

All’inizio, la nostra idea ci sembra completa, fattibile, praticamente perfetta, quanto di meglio il nostro cervello potesse elaborare. La realtà, molto spesso, è ben diversa!

Ci sentiamo forti, crediamo che la nostra intuizione funziona, che è l’idea perfetta per noi. Peccato che potrebbe non essere interessante per gli altri e dunque potrebbe non rispondere a un reale fabbisogno. Inoltre ci stiamo facendo prendere troppo dall’approssimazione: abbiamo un’intuizione, va bene, ma moltissime persone hanno intuizioni vincenti e, magari, in questo stesso istante, altre persone hanno avuto la stessa nostra intuizione in altre parti del pianeta. Cosa farà la differenza tra me e loro? Il progetto esecutivo, la strategia che adotterò e la mia capacità di realizzare quell’intuizione.

Per tali motivi, è indispensabile disegnare la nostra idea approfondendo alcuni aspetti importanti:

  • Il mio prodotto/servizio a quale reale fabbisogno risponde?
  • Quali sono le caratteristiche del mercato di riferimento?
  • Chi sono i miei competitor?

Insomma, occorre studiare e fare ricerche giornaliere approfondite per evitare errori che potrebbero minare sin dall’inizio la bontà della nostra idea.

Step 2 – Creare un prototipo

Una volta analizzati i bisogni e individuate le caratteristiche dei potenziali clienti, è opportuno creare un prototipo del nostro prodotto/servizio e testarlo con amici, parenti e persone a noi vicine che magari abbiano caratteristiche identiche o perlomeno simili al target di riferimento. Occorre, insomma, sviluppare ciò che in inglese viene chiamato Minimum Viable Product (MVP), ossia una prima versione del prodotto/servizio che preveda sin da subito l’interazione con il mercato di riferimento fin dalla fase di idea: questo sistema è utile non solo per validare la nostra idea, ma anche per eseguire un test iniziale rapido e a basso costo che ci permetta di iniziare a valutare quello che stiamo facendo e decidere se continuare oppure cambiare idea.

Step 3 – Revisionare il prodotto/servizio

Una volta effettuato questo primo test con il nostro prototipo e ottenute le risposte che cercavamo, dobbiamo proseguire con la modellazione del nostro prodotto/servizio, applicando le opportune modifiche per proporre una nuova versione che riassuma e massimizzi le informazioni apprese direttamente dal cliente (tester).

In questo terzo step dobbiamo indagare e lavorare sulle eventuali revisioni da applicare al prodotto/servizio, ponendoci ulteriori domande e, se necessario, replicare i test. Potremmo, inoltre, contattare i primi potenziali stackholders, per capire se possono essere interessati o se hanno consigli preziosi da darci.

Un utile strumento per i primi 3 step: Idea Design Process

Il tempo da dedicare a questi primi tre step potrebbe essere lungo: lo studio del mercato e del target di riferimento, la realizzazione del prototipo, la sperimentazione, le modifiche da apportare potrebbero richiedere mesi di lavoro. Per tale motivo, è importante avere sempre sott’occhio uno schema che non ci faccia perdere di vista i passi importanti che stiamo muovendo per realizzare il nostro progetto esecutivo.

L’Idea Design Process è un modello utile che ci aiuta a tracciare ogni singolo passaggio e a decidere quando l’idea è pronta per passare agli step successivi: potete scaricarlo cliccando qui.

Step 4 – Creare il progetto di business

Il quarto step dà inizio alla fase operativa vera e propria, quando abbiamo già numerosi elementi a disposizione per poter immaginare i dettagli del nostro progetto di business, aggiungendo ulteriori elementi che andranno ad arricchire le caratteristiche del nostro prodotto/servizio e il modo in cui deve essere realizzato e commercializzato. Questa è una fase molto importante, perché dobbiamo specificare ogni dato che riguarda:

  • l’investimento iniziale;
  • le risorse umane da impiegare;
  • le risorse materiali di cui abbiamo bisogno;
  • le strategie di marketing e comunicazione che dobbiamo mettere in campo per raggiungere i nostri utenti;
  • le strategie finanziarie che possiamo potenzialmente attivare.

Strumento da utilizzare in questa fase: il Creative Project Canvas

Anche questa quarta fase richiede analisi e studi approfonditi, revisioni dell’idea e confronti con soggetti esterni: è a questo punto che uno strumento come il Creative Project Canvas può risultare utile alla realizzazione del nostro progetto. Una vera e propria tela in cui dipingere i contenuti del nostro progetto di business, arricchendolo di dettagli di ogni genere, che possa permetterci di guardare in maniera completa e consapevole tutti gli aspetti della nostra idea, e che ci aiuti anche a raccontarla a potenziali compagni di viaggio.

Download del Work (Play) Book, la guida all’utilizzo del Creative Project Canvas (in inglese)

Download del Creative Project Canvas

Step 5 – Strategia di avvio, timeline e piano d’azione

Finalmente siamo arrivati all’ultimo passaggio, quello che ci porterà al nostro progetto esecutivo. Ciò non vuol dire che abbiamo finito di lavorare e che ci potremo godere il meritato riposo: al contrario, avere il progetto esecutivo è il passo obbligato per cominciare al meglio una attività imprenditoriale. Inoltre, adesso siamo più entusiasti, tocchiamo con mano ciò che prima era una idea vaga e confusa; ci assale una sensazione di pragmatismo e di voglia di fare che non si spegnerà facilmente e dobbiamo usarla per passare all’azione:

  • adottiamo una timeline delle attività da svolgere;
  • creaiamo un piano di azione per entrare nel mercato;
  • pianifichiamo una strategia finanziaria sostenibile;
  • scegliamo i compagni di viaggio e i service esterni che ci possono aiutare;
  • cominciamo a muovere i primi passi nella promozione e nella vendita del nostro prodotto/servizio.

In tal modo, concretizziamo la nostra idea, avviando un vero progetto di business sostenibile.

Utilizziamo il WorkPlayBook per gestire ogni singola fase

Spesso molti di noi hanno problemi a realizzare le proprie idee e a trovare il modo di renderle economicamente sostenibili. Questi 5 step possono aiutarvi a capire tante cose, prima di tutto l’utilità e la fattibilità di ogni vostra idea, lasciando da parte mere aspirazioni o accompagnandovi nella realizzazione dei vostri più grandi desideri.

Per fare ciò, aiutatevi con il Work (Play)Book, che vi supporterà non solo nella definizione e nella realizzazione della vostra idea ma anche quando essa sarà diventata un prodotto/servizio vero e tangibile.

No comments
admin5 step per trasformare l’idea in un progetto esecutivo
read more